La Biodinamica

Dal 2012 pratichiamo l'agricoltura biodinamica. Il vignaiolo, secondo noi, ha innanzitutto il compito di custodire la terra che lo ospita. Egli deve puntare a mantenere nel tempo la ricchezza del suolo da cui trae i frutti del suo lavoro, senza sfruttarlo passivamente per mere ragioni economiche, né impoverendolo progressivamente con l’uso della chimica. In tale ottica, la biodinamica è secondo noi la sola via possibile.
La nostra gestione biodinamica delle vigne è così articolata nel corso dell’anno:
In inverno lavoriamo la terra e seminiamo i sovesci.
In primavera, finite le potature trattiamo con Eau d’Enduit (Fladen di Maria Thun, siero di latte fresco e bentonite), che ha un effetto curativo sui tagli. Quando il terreno inizia a scaldarsi facciamo un trattamento a base di 500 Corno Letame ed Equiseto. Per i trattamenti fitosanitari prepariamo decotti di ortica, aglio e salice selvatico da mescolare alla poltiglia bordolese.
In Estate, se la stagione è particolarmente piovosa, a Maggio trattiamo con il preparato 501 Corno Silice, e, sempre se la stagione lo richiede, ripetiamo il trattamento a fine agosto, per aiutare la maturazione. Combattiamo gli eventuali eccessi di calore con infusi a base di ortica e camomilla.
In Autunno, prima della caduta delle foglie, trattiamo con il preparato 501 Corno silice. Dopo la caduta delle foglie un trattamento con il preparato Fladen di Maria Thun al suolo e, dopo circa 20 giorni, con il preparato 500 Corno Letame.

Sovescio

Terra viva

Pecore

Ciclo naturale

RAÌNA - Francesco Mariani Viticoltore in Montefalco, Partita IVA 02646280541
Seguici su
© 2018 RAÍNA - Francesco Mariani - tutti i diritti riservati
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.